Regole e divieti

Una società di persone e le sue regole e divieti.

Наверное никто не знает, когда впервые человечество создало первое правило и первый запрет. Но, судя по всему, мы с этой способностью уже очень давно. Ничто люди не любят так сильно, как создавать правила, устанавливать запреты, возводить стены, проводить границы… Вот такое оно – Общество людей и их правила и запреты. Хотя казалась бы – все люди одинаковы, это вам может сказать любой кто общается с жителями разных стран. Различия минимальны. Основа же, желания и поступки этих людей, все одинаковы.

Все хотят, одного и того же. С внедрением интернета казалось все границы рухнут, но нет, сеть стала ещё одним инструментом в руках тех, кто любой ценой хочет сохранить полученные богатства. Речь не только о правительствах, официальные представители стран, уже давно играют роль – говорящих голов. Всё решают люди стоящие в тени.

Come fanno a manipolarci tutti in questo modo? La risposta è semplice. Istinto di branco e paura. Nessuno vuole essere una vittima e nessuno vuole essere in minoranza. Dividere e conquistare. Pane e circo. Sono passati tanti secoli e in sostanza non è cambiato nulla. E in questo, Internet è diventato un aiuto indispensabile.

Quando coloro che hanno venduto l'anima per monete d'argento arrivano sui social network, iniziano a creare argomenti controversi, seguiti da coloro che li apprezzano attivamente, poi gli account cambiano e inizia una discussione attiva. Dall'esterno sembra che molte persone diverse stiano discutendo attivamente di qualcosa e che ci sia l'illusione che la maggior parte delle persone sostenga l'argomento. E poi, la persona che voleva esprimere la sua opinione, improvvisamente si perde, sembra che rimanga in minoranza, si zittisce e se ne va... Ma al silenzio, la risposta sarà sempre un suono.

In che altro modo si può intimidire la gente? È semplice: se il vostro obiettivo è limitare il più possibile la popolazione, create più leggi in cui i concetti sono molto vaghi, mancano di specificità e possono essere interpretati in modi diversi. Ed ecco che si ottiene un Paese i cui residenti sono tutti potenziali criminali, perché qualsiasi legge può essere applicata a qualsiasi situazione. E i Paesi di questo tipo sono molti di più di quanto si possa immaginare.

Ebbene, con i divieti basati sul mantenimento del potere e dei valori materiali, tutto è chiaro. Ma per quanto vili possano essere i loro motivi, le loro azioni sono comprensibili, ma che dire dei divieti religiosi. Che sfidano la logica e la morale.

Общество людей и их правила и запреты

Società di persone e loro regole e divieti nella religione.

Tutti voi conoscete i Paesi Bassi, leader in Europa in termini di tenore e qualità della vita. Non chiediamoci come faccia un paese minuscolo ad avere un tenore di vita più alto di qualsiasi altro paese minerario (tranne la Norvegia), è una domanda retorica... Andiamo dritti al punto. I Paesi Bassi sono diventati così aperti solo di recente.

Cosa sapete della pilastrizzazione? Probabilmente è la prima volta che ne sentite parlare. Di fatto, era la parola che definiva tutta la vita sociale in Olanda fino alla metà degli anni Ottanta. Fino a 40 anni fa, in Olanda cattolici e protestanti erano divisi in due odiati campi a causa della pilastrizzazione. La parola deriva da "pilastro". In altre parole, se si appartiene a un pilastro, non si può essere collegati all'altro....

Tutte queste restrizioni sono state la condizione per la realizzazione dell'insolito monumento. Nel 1842, il colonnello Aeffderson della cavalleria si innamorò di una ragazza di Van Gorkum. L'unico problema era che lui era un protestante di origine contadina e lei era cattolica e di nobili origini. Non dovevano sposarsi perché erano di religioni e classi diverse. Tuttavia, nonostante i tabù sociali e religiosi, si sono sposati. Il loro matrimonio provocò un tumulto sociale. Tuttavia, tutti i tabù e le censure non impedirono la loro unione, che durò per 40 anni. Nel 1882 Aeffderson morì. Sua moglie voleva essere sepolta accanto a lui dopo la sua morte.

Ma per legge non aveva il diritto di farlo, poiché i cimiteri cattolici e protestanti erano separati da un muro di mattoni. Ha poi scelto di seppellire il marito accanto al muro del cimitero stesso. Otto anni dopo morì anche Van Gorkum. Nel suo testamento, ha indicato che rifiutava di essere sepolta nella cripta di famiglia, ma ha espresso la sua ultima volontà di essere sepolta dall'altra parte del muro, di fronte alla tomba del marito. Sulle tombe sono stati collocati dei monumenti, che si uniscono in una salda stretta di mano. E questa stretta di mano non poteva essere separata da niente e nessuno. Dopo tutto, nell'altro mondo tutti ridono delle nostre regole e dei nostri divieti.

5 1 voce
Valutazione dell'articolo
Abbonati
Notificare al
0 Commenti
Feedback intertestuale
Visualizza tutti i commenti
AriA - una casa per tutti Volete essere avvisati quando qualcuno vi invia un messaggio privato?
Congedare
Consentire le notifiche